La struttura del curriculum

Come si redige il curriculum

Il curriculum è uno strumento rivolto a fare conoscere la persona, le esperienze formative e professionali, le competenze e le attitudini. Di seguito proponiamo le sezioni del il curriculum vitae, da compilare con cura e senza errori di ortografia.

Dati personali

Devono essere indicati nome e cognome, luogo e data di nascita, indirizzo, nazionalità, numero di telefono, stato civile.

Istruzione e Formazione

Studi compiuti in ordine cronologico decrescente, partendo dall’esperienza più recente (master o laurea), fino al diploma superiore. Vanno indicati l’anno di conseguimento, il voto (solo se buono, altrimenti fatene a meno) e la scuola o facoltà. 

Esperienze professionali

Gli elementi da indicare per ogni esperienza professionale sono il periodo di tempo in cui abbiamo lavorato, il nome dell’azienda con il settore di mercato in cui opera, la posizione ricoperta e le mansioni svolte: anche in questo caso partiamo dalle esperienze più recenti.

Corsi di formazione e specializzazione

Vanno elencati gli eventuali corsi seguiti, indicandone il titolo, la durata, l’ente organizzatore e la votazione ottenuta, se prevista. Dobbiamo decidere quale tra le esperienze avute sottolineare, a seconda del destinatario.

Conoscenze tecniche-informatiche

E’ importante indicare la conoscenza di sistemi operativi (Windows, Unix), di programmi come il pacchetto Office (Word, Excel, Access, Power Point), di Internet  e della posta elettronica.

Capacità e competenze linguistiche

Per ogni lingua vanno indicati  il livello di conoscenza scritta e parlata (scolastico, buono, ottimo, madrelingua), le eventuali certificazioni conseguite, e gli eventuali corsi seguiti in Italia e all’estero indicandone i periodi e la durata .

E’ consigliabile indicare anche se si possiede una patente, indicandone la categoria e se si dispone di un mezzo; alleghiamo, inoltre, una foto, anche se non viene espressamente richiesta.
Dal punto di vista formale il curriculum deve essere scorrevole, chiaro, di rapida lettura, efficace e curato.

Pubblicazioni e riferimenti

Pubblicazioni possono essere menzionate qui. Indichi il titolo, l’anno, la rivista e li coautori per ciascuno. Normalmente, i riferimenti non sono incorporati nel cv. Pero puoi includerli se il posto vacante lo richiede esplicitamente. Chiedi la persona a cui ti riferisci se vuole essere il tuo riferimento in anticipo. Menziona le seguenti informazioni del tuo riferimento: Nome, posizione, azienda e numero di telefono.

Il layout del tuo CV non è fisso. Puoi cambiare elementi per dargli un tocco personale. Sei curioso di sapere come sarà il CV finalmente? Dai un’occhiata ai modelli di Cvmaker.it!